Storie – Luigi Siletti

siletti luigi

SILETTI Luigi, nato il 16 febbraio 1923 a Caravino (Torino) 1a, 10Internato nello Stalag VI A (Hemer – Nord Reno Westfalia) – Matricola 95731 – Arbeits-Kommando n° 1000 – Deceduto a Rheinhausen (Baden-Württemberg) il 4 luglio 1944 10 – Sepolto nel Cimitero militare italiano d’onore di Amburgo 1a – Posizione tombale: riquadro 5 – fila Y – tomba 46 1b. Fonti: 1a, 1b, 10 – Giovanni Florio (nipote).

Tratto da lasentinella.gelocal.it del 5 ottobre 2012 – Articolo di Antonella Allazeta.

È grazie a internet che Giovanni Florio è riuscito a trovare suo zio Luigi Siletti, figlio di Giuseppe e Marco Maria della Cascina Roiera.

Il giovane Alpino Luigi Siletti durante la seconda Guerra Mondiale fu preso come prigioniero ed internato nello Stammlager VI A a Rheinhausen, Germania, dove morì nel 1944, a 21 anni.

La famiglia fu avvisata del decesso con un telegramma ma il corpo non fu riportato a casa.

Tornerà a Caravino il 4 novembre, ci sarà un picchetto d’onore della Taurinense. Giovanni Florio, pur non avendo mai conosciuto di persona lo zio, è cresciuto con sua nonna che gli parlava di Luigi e che avrebbe voluto riaverlo a casa.

Nel gennaio scorso stava navigando su internet, quando senza cercarlo, è comparso il nome di suo zio, stupito è andato a vedere in quale sito fosse nominato ed era sul blog di Roberto Zamboni intitolato «Dimenticati di Stato»: un sito nato dalle ricerche di Zamboni ed in cui si possono trovare i nomi degli inumati nei cimiteri militari italiani d’onore fino al 12 marzo 2009.

Giovanni ha dunque scritto a Zamboni, per accertarsi che fosse davvero suo zio e poi con la moglie si è recato ad Amburgo al cimitero militare d’onore dove era sepolto. «Il cimitero è immenso – racconta – e ho visto anche molti cognomi del Canavese sulle tombe. Non ho faticato a trovare la tomba ma come ho saputo dov’era mio zio non ci ho pensato neanche un attimo e ho deciso che l’avrei riportato a casa».

Sono così iniziate le trafile burocratiche. E il 4 novembre ci sarà la cerimonia. Il Comune rimborserà il 60% dei costi per il rimpatrio: «Nonostante le critiche non siano mancate – spiega il sindaco – credo che pagare il rimpatrio di un caduto caravinese che torna a casa dopo quasi 68 anni sia il minimo, visto che lo Stato non lo fa». Giovanni Florio ringrazia il sindaco: «Avrei riportato a casa mio zio anche senza alcun contributo. Non credo neanche che questa sia una storia da giornale ma se può servire a qualcuno per aiutarlo a ritrovare un suo caro ben venga».

SILETTI LUIGI, NATO IL 16 FEBBRAIO 1923 A CARAVINO (TORINO)

siletti luigi cartolina postale 300 dpi

siletti luigi 300 dpi tombaTomba nel cimitero di Amburgo
rimpatrio siletti luigiRientro a Caravino (Torino) dei resti di Luigi Siletti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...